Strategie di marketing per startup: step necessari per vincere!

marketing per startup

Probabilmente sei finito su questo articolo perché hai una startup o hai intenzione di crearla e stai cercando di capire quali sono i primi passi da intraprendere per quanto riguarda il marketing.

Uno dei primi problemi per le startup è sempre quello della raccolta dei fondi, in quanto non tutte le startup hanno un budget elevato e/o potrebbero addirittura non averlo. In questa guida non vi spiegheremo come reperire budget per le startup, dato che nel momento in cui si inizia a parlare di marketing va da sé che la questione budget di partenza deve essere già impostata.

Nella fase di analisi preliminare di una startup è necessario definire degli obiettivi di marketing chiari e misurabili e scegliere l’approccio comunicativo adatto al target a cui la startup si riferisce.

 
 

Marketing per startup: dove iniziare

marketing per startup inizio

Se parliamo di marketing per le startup non parliamo necessariamente di marketing tradizionale. Avere una startup vuol dire cercare di essere flessibili e originali, in grado di saper valutare anche delle strategie innovative e questo vale ovviamente anche per il marketing.

Il growth hacking ha come scopo lo sviluppo molto veloce con risorse economiche limitate. Se applicata alla comunicazione online, questa metodologia può semplificare la pianificazione della attività di marketing di una nuova impresa grazie a un processo di crescita sostenibile incentrato sulla risposta del pubblico.

Il marketing tradizionale richiede spesso l’investimento di una buona parte del budget e testa le iniziative pubblicitarie solo alla fine, il growth hacking marketing si avvale di continui test e modifiche per trovare la soluzione migliore per il pubblico di riferimento. Inoltre, fa uso di canali promozionali a basso costo e ad alta redditività per far conoscere i propri prodotti o servizi a una prima nicchia di utenti.

L’utilizzo del word of mouth (passaparola) è fondamentale nel marketing per startup ideato da Ellis: se i primi utilizzatori del vostro prodotto/servizio parleranno bene di voi, faranno probabilmente girare la voce e questo è un marketing positivo e economico.

Il growth hacking indica che il marketing online è sicuramente fondamentale per la facilità di modificare e migliorare le strategie di comunicazione, ma anche il marketing offline può essere utile. La partecipazione a fiere di settore, convegni o eventi frequentati dal target: l’allestimento di un desk promozionale, la distribuzione di flyer e di biglietti da visita sono tutte iniziative a basso costo che permettono di guadagnare visibilità.

 

Content marketing per startup

 

content marketing per startup

Il content marketing può risultare veramente utile: è in grado di aumentare la brand awareness e di attirare il target di riferimento verso i tuoi social network o il tuo sito. È un tipo di pubblicità non invasivo, che porterà gli utenti a compiere un azione da te pianificata tramitecontenuti scritti, audio e video.

La creazione di un piano editoriale potrebbe in questo caso essere fondamentale. Programma i tuoi post e pianificane l’uscita, cerca di essere originale e ottimizza al massimo i tuoi contenuti.

L’ideale per la tua strartup potrebbe essere quello di avere un team di copywriter in grado di scrivere articoli inerenti al tuo progetto, da pubblicare poi sul blog del sito della tua startup. Gli articoli, se scritti in ottica SEO, potrebbero finire in alto nella barra di ricerca di Google e risultare quindi un’ottima strategia per far crescere la popolarità del tuo progetto.

 

Social media

social media per startup

Una buona Startup deve utilizzare la comunicazione sui social network in modo strategico.

Attraverso i social network si può crescere come progetto, entrare in contatto con possibili nuovi collaboratori, trovare nuovi clienti e promuoversi facilmente. Sui social network risulta fondamentale la continuità, per cui è fondamentale postare a cadenza almeno settimanale.

É necessario poi stabilire il “tono” con cui comunicare sui social: si può decidere di usare un tono serio e professionale, ma anche cercare di essere originali con umorismo e sfruttando i trend del momento può essere una buona strategia.

Il marketing per startup attraverso i social non è affatto semplice: bisogna dedicargli molto tempo. Questo però viene ripagato con il traffico in aumento, le conversioni, la fidelizzazione e le collaborazioni. Per una startup l’utilizzo dei Social Network è indispensabile, senza di essi si ha perso in partenza.

 

Conclusione

Abbiamo quindi capito che il marketing per startup è fondamentale, sia per chi dispone di un budget per poter puntare su diverse strategie, sia anche per chi ha un budget estremamente limitato.

Sicuramente un investimento per chi “vuole andare sul sicuro” è quello di affidarsi ad esperti nel marketing in grado di limitare il carico di lavoro e di rendere il risultato finale professionale.

In questo caso noi di WebGoats potremmo esserti d’aiuto, contattaci e discutiamo del tuo progetto insieme!

Iniziamo questo progetto insieme. Parla con i WebGoats

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *